domenica 28 dicembre 2014

Buon 2015







martedì 16 dicembre 2014

Di moda ?

http://www.canale8news.it/2014/12/asp-e-sindacati-che-non-vogliono-i-poliziotti-cosa-ce-dietro-coshanno-da-temere-i-dipendenti-che-fanno-correttamente-il-proprio-lavoro/


SP e sindacati che non vogliono i poliziotti. Cosa c’è dietro? Cos’hanno da temere i dipendenti che fanno correttamente il proprio lavoro??


......"Il  manager della Asp di Siracusa ha chiesto aiuto  a due poliziotti dei NAS in pensione per controllare prima, durante e dopo l’attività della Asp di Siracusa. A darne notizia il Sindacato degli Infermieri Italiani Nursing Up, Sindacato maggiormente rappresentativo a carattere nazionale nel settore sanità.
Ma alcuni sindacati ritengono che ciò sia offensivo per i lavoratori! Cosa hanno da temere i dipendenti che fanno correttamente il proprio lavoro da ulteriori controlli? La domanda sorge spontanea. Questi sindacati e i loro affiliati hanno da nascondere qualcosa?".....

---------------------
commento
Sta diventando di moda, a quanto pare !
Ma cosa recita il DECRETO LEGISLATIVO N°229, 19 GIUGNO 1999 e s.m. ?
"Ai dirigenti con incarico di direzione di struttura complessa sono attribuite, oltre a quelle derivanti dalle specifiche competenze professionali, funzioni di direzione e organizzazione della struttura, da attuarsi, nell'ambito degli indirizzi operativi e gestionali del dipartimento di appartenenza, anche mediante direttive a tutto il personale operante nella stessa, e l'adozione delle relative decisioni necessarie per il corretto espletamento del servizio e per realizzare l'appropriatezza degli interventi con finalità preventive, diagnostiche, terapeutiche e riabilitative, attuati nella struttura loro affidata. Il dirigente è responsabile dell'efficace ed efficiente gestione delle risorse attribuite. I risultati della gestione sono sottoposti a verifica annuale tramite il nucleo di valutazione."
Quindi ?  c'è proprio necessità di 'disturbare' i pensionati dei NAS per vigilare sulle risorse umane, strumentali ed economiche attribuite a ciascuna struttura ? oppure...anche nella nostra sanità esiste il 'Mondo di Mezzo' ?




venerdì 21 novembre 2014

La salute prima di ogni cosa

http://www.radiortm.it/2014/11/19/servizio-ispettivo-ex-carabinieri-dei-nas-inaccettabile-procedura-incarico-chiesto-incontro-urgente-direttore-generale-dellasp/comment-page-1/#comment-477455

http://ragusaoggi.it/49025/cgil-cisl-e-uil-rispondono-ad-arico


Servizio ispettivo a due ex carabinieri dei Nas. Inaccettabile la procedura di incarico. Chiesto un incontro urgente al direttore generale dell’Asp Ragusa


Una convocazione via "stampa" ai segretari dei sindacati

CGIL-CISL E UIL "RISPONDONO" AD ARICO'




............"La disposizione a firma del Direttore Generale Maurizio Aricò, relativa al contratto di collaborazione con due luogotenenti dei Carabinieri nella riserva, già in servizio presso il NAS di Ragusa, nei fatti attiva “ un servizio ispettivo” valutato dal firmatario utile a prevenire e a circoscrivere fenomeni di disservizio e di illegalità, fornendo, altresì, ampi poteri di accertamento sulle attività dell’Asp alle persone incaricate.".............

.........."Cgil, Cisl, Uil sono fortemente preoccupate che questa disposizione possa creare all’interno dell’Azienda Sanitaria un clima pesante, inquisitorio, di tipo poliziesco, che possa sfociare in attività delatorie senza fondamento, una caccia alle streghe vera e propria, minando la serenità degli operatori sanitari in un ambiente di lavoro delicato e pieno di responsabilità, quale quello della salute pubblica."............

........"«Apprendiamo dalla stampa di essere stati convocati per il primo dicembre alle ore 10. Il direttore generale dell’Asp di Ragusa non ha avuto, evidentemente, tempo per formalizzare una convocazione ufficiale come da prassi e buone relazioni sindacali impongono.»".........


..........."«Alle nostre segreterie, così come a quelle delle federazioni, non è arrivata nessuna nota dell’Asp – aggiungono i tre segretari – Il direttore Aricò, inoltre, sa bene che un incontro andrebbe sempre concordato con l’altra parte. Si eviterebbero rinvii o ritardi.
Una provocazione del direttore generale? Siamo certi di no. Sarebbe una caduta di stile. Piuttosto chiediamo al dottore Aricò di ritrovare il giusto metodo nei rapporti con il sindacato.
Assumere un atteggiamento antisindacale, non rispettando le regole previste dalla normativa generale e contrattuale, potrebbe prefigurare l’ipotesi di reato; oltretutto odioso perché commesso contro i lavoratori e il delicato servizio che gli stessi devono erogare.".............

------------

commento

...non è un buon 'clima'...soprattutto nell'interesse della salute dei pazienti..






mercoledì 5 novembre 2014

Finalmente !

http://ragusa.gds.it/2014/11/04/ospedali-riuniti-225-posti-a-vittoria-e-comiso_256749/


Il piano di razionalizzazione regionale
Ospedali riuniti, 225 posti a Vittoria e Comiso



......."Gli ospedali riuniti «Vittoria-Comiso», facenti parte del distretto 2 dell’Asp 7 di Ragusa, sono composti dal presidio di Vittoria con 154 posti letto per acuti e dal presidio di Comiso zona aeroportuale con 27 posti letto per acuti e 44 post acuti (20 recupero e riabilitazione funzionale e 24 di lungodegenza). 
Questi i nuovi numeri del piano di razionalizzazione ospedaliera che prevede per la provincia di Ragusa fino al 31 dicembre del 2016 689 posti letto per acuti e 144 per post-acuti. 
Complessivamente gli ospedali riuniti di Vittoria-Comiso possono contare su un totale di 225 posti letto. Il piano, approvato dalla giunta, deve passare l’esame della sesta commissione all’Ars, presieduta dal comisano Pippo Digiacomo, deputato del Pd.


Per quanto riguarda Comiso l’ospedale prevede: 12 posti di Chirurgia generale (10 ordinari e 2 DH), 4 posti di Oculistica (2 ordinari e 2 DH). A questi si aggiungono le strutture semplici di Urologia con 3 posti letto di cui due ordinari, i sei posti di Medicina Generale di cui 4 ordinari e 2 posti di DH di Ortopedia e Traumatologia. 
Per l’Area Servizi a Comiso rimarranno la struttura semplice Direzione Sanitaria, Radiologia con Tac, laboratorio Analisi, Anestesia e Rianimazione, il Pronto Soccorso da rifunzionalizzare ed il Pta (Presidio Territoriale di Assistenza), oltre la Rsa."..........

--------

commento

Finalmente !

Fino al 31 dicembre 2016 ( due anni ) avremo questa dotazione di posti letto : 689 per acuti e 144 per riabilitazione e lungodegenza...e dopo ? occorrerà attendere altri due anni (fino al 2018) per avere un altro piano di razionalizzazione ospedaliera ?

Cosa significa 'Pronto soccorso da rifunzionalizzare' ?...

Altro quesito : recepito da parte dell'ASP il decreto di razionalizzazione, quanto tempo sarà necessario per rideterminare la pianta organica ed espletare i concorsi per i posti vacanti ?....mi auguro che non si arrivi al 31 dicembre 2015!...perché il problema che, a mio modesto parere, deve essere affrontato e risolto in tempi brevi consiste proprio nell'adeguare il personale in servizio alle esigenze della gente che si affida alle strutture sanitarie della nostra provincia.
Mi permetto anche di aggiungere...che è opportuno verificare prioritariamente se tutte le unità attualmente in servizio sono al posto 'giusto' e lavorano 'nel modo giusto'.












domenica 26 ottobre 2014

Riusciranno i nostri.....

http://www.ragusaoggi.it/48160/i-cento-giorni-della-nuova-direzione-generale-con-aric-le-tappe-racchiuse-in-50-slides


“Abbiamo bisogno di tutti voi: professionisti, dirigenti, amministratori, società civile, Imprenditori, Sindaci, Politici eletti….” Ci aiutate? (Maurizio Aricò)


I CENTO GIORNI DELLA NUOVA DIREZIONE GENERALE CON ARICÒ. LE TAPPE RACCHIUSE IN 50 SLIDES

....."Il Direttore Generale ha incontrato nella Conferenza dei Sindaci, convocata appositamente dal sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, il personale dell’Asp, ma anche la società civile."..........


...."Giorno dopo giorno, slide, dopo slide, Aricò ha ripercorso i suoi primi 100 giorni da direttore generale. Pochi annunci, solo fatti concreti che hanno caratterizzato questo primo percorso della sua direzione."........ 

......."La realizzazione del nuovo ospedale “Papa Giovanni Paolo II”, che prevede il posizionamento della TAC-PET entro giugno 2015.".......... 

......"Gli interventi di alcuni Sindaci o rappresentati dei comuni: Scicli, Giarratana, Vittoria, Chiaramonte Gulfi, Modica. Il sindaco di Monterosso ha evidenziato come la Politica, quella dei parlamentari assenti, ha perso un’occasione importante, perché  la salute è un bene così prezioso che riguarda tutti, soprattutto per chi fa politica a servizio della Comunità."....

----------------------
commento

 ....".portarono Napoleone ad agire. Imbarcatosi in gran segreto con uno sparuto gruppo di granatieri su un bastimento, l'imperatore eluse la sorveglianza inglese e il 1° marzo 1815 sbarcò in Francia nel golfo di Cannes. Iniziavano i leggendari 'Cento giorni'."......

La storia si ripete ? 
Nel nostro caso non si tratta, però, dell'azione di un ex-imperatore per rientrare nel pieno possesso dei suoi poteri. 
In ballo c'è, com'è evidente a tutti i cittadini della provincia di Ragusa, la sopravvivenza della sanità ragusana (non scrivo : il ritorno alla qualità della sanità iblea negli anni 2000/2009, poiché sarebbe proprio un'utopia!).
Il manager Aricò chiede 'aiuto'.....qualcuno già si è fatto avanti nel dargli la propria disponibilità a titolo gratuito, ma fino ad oggi ....
Il nuovo (?!) ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa non deve essere realizzato..lo è già..deve essere ultimato e, soprattutto, reso funzionale e avviato. 
...."riusciranno i nostri manager a ritrovare il bandolo della matassa misteriosamente scomparsa dal 2009 a oggi?".....









mercoledì 8 ottobre 2014

Un manager con le 'carte in regola'

http://ragusaoggi.it/47601/il-ragusano-carmelo-iacono-commissario-all-asp-di-caltanissetta

http://livesicilia.it/2014/10/08/sanita-si-cambia-a-catania-ed-enna-chi-sono-i-nuovi-direttori-generali_548548/


L'oncologo ibleo nominato per la particolarità dell'Asp nissena che vede nel suo territorio siti industriali e Muos

IL RAGUSANO CARMELO IACONO COMMISSARIO ALL'ASP DI CALTANISSETTA


......"Il dott. Carmelo Iacono, ragusano, direttore della divisione di oncologia dell'Asp di Ragusa, è stato nominato da Crocetta  commissario dell'Asp di Caltanissetta.".......

------------------------------------------------------------------------------

Sanità, si cambia a Catania ed Enna 

Chi sono i nuovi direttori generali


......"il ruolo di vertice nella Asp nissena a Carmelo Iacono. L'oncologo ragusano si è laureato a Catania, per sei anni (in tutto) è stato direttore prima del dipartimento di oncologia dell'Azienda Ospedaliera Civile Ompa, poi di quello dell'Asp di Ragusa e dal 2009 al 2011 presidente nazionale dell'Associazione italiana di oncologia medica. Pare che la sua nomina non sia stata affato sgradita a Nello Dipasquale, deputato ragusano del Megafono.".............





----

commento

Nominare 'commissari' non è una delle scelte migliori che può fare un governo che si rispetti...
..in effetti c'è, a mio parere, uno svarione.

Il governo ha, infatti, nominato il collega Carmelo Iacono Direttore Generale dell'Asp di Caltanissetta.

Il dr. Iacono, oltre ad essere un oncologo di rinomata professionalità, possiede una preparazione ottimale in campo manageriale.

Buon lavoro, Carmelo....sicuramente ce n'è tanto !








sabato 20 settembre 2014

...e gli ospedali iblei ?

http://www.ragusatg.it/2014/09/20/modica-la-fatiscenza-del-quinto-piano-dellospedale/

Modica, la fatiscenza del quinto piano dell’ospedale!



....."Al quinto piano dell’Ospedale “Maggiore” di Modica si trovano la Rianimazione e la Pediatria, e I pannelli di cartongesso si staccano dal soffitto e finiscono all’interno delle corsie. Quando piove le corsie si allagano,  i cavi elettrici penzolanti e a stretto contatto con l’acqua che, a sua volta, gocciola in continuazione dalle tubature idriche corrose dalla ruggine, Proteste e segnalazioni non sono mancate. Ma pare che ancora tutto tace, ma oltre alla fatiscenza c’è il problema della sicurezza in reparti così delicati! ".............

--------
commento

Il Premier ha stilato il programma dei 1000 giorni..e che Dio voglia bene all'Italia !
Il Governatore continua nella sua ...Rivoluzione !
L'Assessore forse ....ha una valigia pronta per Roma !
Il Manager attende sicuramente notizie.....

.....e gli ospedali iblei ?   











lunedì 8 settembre 2014

Un ottimo esempio

http://www.quotidianosanita.it/regioni-e-asl/articolo.php?articolo_id=23200&fr=n

Abruzzo. D'Alfonso: "Vogliamo ricostruire il curriculum di ogni realtà ospedaliera"

........"mi interessa conoscere il vissuto quotidiano di queste strutture - ha spiegato D'Alfonso - Successivamente mi confronterò anche con la comunità che opera negli ospedali, non solo quelli dei capoluoghi ma anche con il personale sanitario dei presidi presenti sul territorio. L'obiettivo - ha proseguito - è quello di ricostruire il curriculum vitae di ciascuna realtà ospedaliera. In sostanza, - ha sottolineato - intendiamo capire qual è il livello delle prestazioni che vengono erogate, qual è il livello dei bisogni, quali sono le esigenze legate alla geometria degli spazi ospedalieri e qual è la quantità di doveri che ha la Regione nei confronti di queste speciali articolazioni per fare in modo che i servizi siano all'altezza della domanda dei cittadini".....

......"C'è un solo modo per capire se le prestazioni rispondono alle aspettative dell'utenza - ha ripreso D'Alfonso - e non è certo quello di rivolgersi ad una società esterna per farsi dire cosa fare ma parlare con la carne viva dei operatori sanitari"......

......"Rispetto alla prossima nomina del nuovo direttore generale della Asl di Teramo, il presidente della Giunta regionale ha ribadito che "quello che conta è che il nome prescelto sarà quello di un professionista che sia in grado di organizzare una offerta sanitaria all'altezza. Nel suo curriculum - ha continuato - non deve esserci l'amicalità di pranzi o cene ma una grande capacità amministrativa che, peraltro, verrà sottoposta ad una periodica lettura. Di certo - ha concluso - sarà un nome condiviso dal Comitato ristretto dei sindaci e dalla comunità sanitaria teramana".....

--------
commento

Il Presidente della Regione Abruzzo ha intrapreso un'ottima iniziativa....ma da noi, in Sicilia, si potrà mai mettere in campo un'iniziativa simile ?

Forse chiediamo troppo ai nostri 'amministratori' regionali...che ne pensate ?




mercoledì 3 settembre 2014

Vox clamantis

http://livesicilia.it/2014/09/03/digiacomo-non-saro-complice-di-omicidi-in-diretta_534348/

Digiacomo: "Non sarò complice
di 'omicidi in diretta'"


"Non mi voglio rendere complice di 'omicidi in diretta': se non si approva la rete dei posti letto, dei servizi territoriali e dell'emergenza-urgenza, non si possono sbloccare i concorsi e non si possono mettere in sicurezza i reparti, non si possono riqualificare gli ospedali minori, non si può dare una risposta all'immenso precariato su cui poggia la sanità siciliana"......
...."Centri privati strapagati mentre servizi pubblici di grande valenza spasimano per ottenere mezzo infermiere in più. Passacarte che si auto-liquidano premi di produzione da capogiro riservando ai medici, quelli che la produzione la realizzano, le briciole". "Sul progetto di rete ospedaliera - conclude - abbiamo lavorato gomito a gomito con l'assessore per sette mesi. E ora che tutto è pronto, la rete giace in giunta da oltre un mese. Da due mesi non si discute d'altro se non degli sfondoni della formazione, mentre, ad esempio, Catania con la sua organizzazione sanitaria risulta abbandonata a se stessa, ormai centro del più grave traccheggio politico che si ricordi sulla pelle e la salute dei cittadini. Se il 16 settembre, data in cui ho deciso di convocare la commissione, non sarà stata inoltrata la delibera di governo sulla rimodulazione della rete ospedaliera siciliana, organizzeremo una grande manifestazione di massa con il coinvolgimento di sindaci, operatori sanitari, società scientifiche contro l'immobilismo della giunta regionale e questo liquame fangoso nel quale qualcuno vorrebbe trasformare la sanità siciliana".....

-------
commento

Finalmente !!!

'Vox clamantis in deserto!'
.... perché solamente l'immagine del 'deserto', in questo momento, può essere collegata con la vita amministrativa e politica della nostra Sicilia.

Mi auguro che questa 'Vox' continui a farsi sentire e, soprattutto, ad agire. La nostra sanità, peggio di così...non può andare !





mercoledì 27 agosto 2014

Mi piace

http://www.radiortm.it/2014/08/27/manager-dellasp-detective-pronto-soccorso-modica-poi-assegna-medici-infermieri/

Manager dell’Asp “detective” al Pronto Soccorso di Modica. Poi assegna nuovi medici e infermieri.

 

 ......."Il Direttore Generale dell’Asp 7 veste i panni dell’utente e fa la fila al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Modica. Lo ha fatto domenica scorsa senza che nessuno lo riconoscesse. Maurizio Arico’ e’ arrivato nella struttura ospedaliera di Via Aldo Moro e si è seduto tra gli astanti come un normale utente, attendendo il proprio turno. Ha potuto toccare con mano i disagi dettati da personale limitato e da locali inadeguati già da più parti segnalati. “Diciamo che si è trattato di una visita non programmata e, dunque, non annunciata – spiega il direttore generale dell’Asp. – Sapevo dei disagi della struttura ospedaliera ma volevo rendermi conto direttamente”."............

 

------

commento

 

 

 

venerdì 22 agosto 2014

Il balletto delle responsabilità

http://ragusaoggi.it/46227/vicenda-chiusura-reparto-chirurgia-ospedale-di-scicli


Nota della segreteria provinciale del sindacato Medici Italiani

VICENDA CHIUSURA REPARTO CHIRURGIA OSPEDALE DI SCICLI

......."La vicenda in oggetto,per quanto incidentalmente capitata nel momento forse meno adatto ad attente riflessioni,le impone comunque. Al di là delle eventuali Responsabilità , se ve ne sono e che verranno verificate nelle opportune Sedi, il dibattito sul “Diritto alla Sanità” potrebbe e dovrebbe andare, a nostro avviso, più in là della semplice difesa Campanilistica e di “Paese”. A nostro avviso il tema è quello della Sanità che vorremmo avere o che dovremmo avere e che possiamo permetterci come collettività.".....
....."Quale è allora la Sanità che dovremmo e che dobbiamo avere? E’ quella dei LEA ,i livelli essenziali di Assistenza che devono essere garantiti per Legge a Tutti i Cittadini ed è quella dei corretti standard Ospedalieri che di certo non prevedono 5 Reparti uguali per poco più di un quartiere di Roma (tanti siamo i Cittadini della Nostra Provincia)o 2 o più reparti uguali a 7/8 Km di distanza l’uno dall’altro.La sanità che dovremmo avere prevede una spesa del 5% della quota sanitaria per la Prevenzione e la Medicina Preventiva,del 52% per la Medicina del Territorio (cioè tutto quello che non è Ospedale) ed il restante 43 % per l’Ospedale. Siamo sicuri che queste quote dettate dalla “legge” nella nostra Provincia siano rispettate?Questo è quello che “possiamo” e che “dobbiamo” avere,una corretta ridistribuzione ed allocazione delle Risorse che non metta il “Campanaro” al centro del sistema ,ma che metta il Cittadino e gli garantisca ,nella propria realtà Provinciale,le giuste e le migliori cure possibili senza costringerlo alla “mobilità passiva”,così si definisce tecnicamente quello che la gente chiama il viaggio della speranza cioè l’emigrazione per la Salute e la Cura.".......

------------------
commento


La nota è a firma del collega Alessandro Tumino, professionista attento che opera sul territorio.
Il guaio risiede sicuramente in una mancanza cronica di programmazione sanitaria legata ai bisogni reali del territorio provinciale. Quando negli anni 2003/2008 si iniziò a riformulare l'offerta ospedaliera del capoluogo provinciale, nonostante i 'veti' e le 'pressioni contrarie', accorpando servizi e reparti doppioni, si ebbe sicuramente un miglioramento della qualità assistenziale. Poi il tutto si fermò e iniziò il 'balletto' delle responsabilità : 'di chi la competenza ? dello Stato, della Regione o del Manager ?'   ...e il tempo è trascorso inesorabile, con la persistenza di ospedali utilizzati male o di un ospedale che da quasi cinque anni attende di essere ultimato e messo in funzione !
E' arrivato il tempo della 'rottamazione delle vecchie abitudini e dei vecchi poteri' anche nella sanità iblea, ne siamo convinti, a meno che non si preferisca perseverare, obbligandoci a prendere la valigia e partire verso il Nord.




giovedì 21 agosto 2014

Agosto..ospedale mio non ti conosco

http://ragusaoggi.it/46195/lunghe-attese-al-pronto-soccorso-ospedale-maggiore

Il Sindaco Abbate: “se occorre alzare la voce lo faremo con una protesta che coinvolga le altre città”.

LUNGHE ATTESE AL PRONTO SOCCORSO OSPEDALE MAGGIORE

......“Da troppo tempo, scrive il Sindaco Abbate, assistiamo ad un incredibile balletto di responsabilità tra le Istituzioni locali e regionali che sta provocando un grave nocumento ai Cittadini di questo enorme bacino di utenza. Mentre la Giunta di Governo è ignara di ciò che accade, l’Assessorato Regionale alla Sanità non autorizza  nulla per evitare  di scontentare altri che premono affinché l’ospedale Maggiore di Modica continui ad essere penalizzato  in assenza delle prescritte condizioni propedeutiche.


Le lunghe code cui sono costrette  migliaia di persone, continua, non possono essere giustificate da mancanza di personale o strutture inadeguate, laddove l’Ospedale Maggiore si è sempre distinto come  il  fiore all’occhiello della Sanità iblea.  "............

...."Ci aspettiamo un intervento immediato ed efficace, un atto di coraggio che superi le logiche contingenti per accogliere una legittima richiesta del territorio. Non attenderemo oltre, nell’incertezza e nella vaghezza delle risposte."....


---------------------

commento

A mio modesto parere, troppa acqua è già passata sotto i ponti della sanità iblea  senza riuscire a vedere un barlume di miglioramento della qualità assistenziale in parecchi servizi sia ospedalieri che territoriali.
Poiché, come si scrive spesso, 'la speranza è l'ultima a scomparire', l'augurio che ci facciamo è quello che l'attuale manager dr. Aricò riesca a riportare in tempi brevi la sanità iblea ai livelli qualitativi esistenti prima del 'fatidico 31 agosto 2009'.




  

martedì 29 luglio 2014

...e ora ?

http://www.siciliainformazioni.com/108190/ministero-boccia-piano-salva-ospedali

Ministero boccia il piano “salva ospedali”

...."Il ministero della Salute ha bocciato il piano “salva ospedali”della Regione Sicilia. Stop, quindi, alla nuova rete dei posti letto. Congelate mille assunzioni e rischio caos in corsia per mancanza di personale. La sanità pubblica siciliana cade a pezzi."....

....."In Sicilia, infatti, la situazione è tragica, come descrive il Censis. Sono ripresi i cosiddetti viaggi della speranza verso le regioni del Centro-Nord, con un aumento considerevole delle intenzionalità di fuga anche nei prossimi anni. Le motivazioni che spingono i cittadini del Sud verso il Centro-Nord sono inquietanti: scarsa fiducia nelle Istituzioni, sanitarie e non solo, scarsa fiducia nelle possibilità di cura, mentre aumenta il ricorso al privato, nonché alla prassi di pagarsi di tasca propria prestazioni sanitarie, analisi, farmaci.".....

-------
commento

...ma come ?.....e ora ?........





sabato 19 luglio 2014

"APRIRE IL NUOVO OSPEDALE È UNA PRIORITÀ"

http://www.santacroceweb.com/giornale1/index.php/2014/07/19/intervista-esclusiva-al-manager-dellasp-7-maurizio-arico-il-nuovo-ospedale-e-una-priorita/


INTERVISTA ESCLUSIVA AL MANAGER DELL’ASP 7 MAURIZIO ARICÒ: “APRIRE IL NUOVO OSPEDALE È UNA PRIORITÀ”


....."L’apertura del Nuovo Ospedale “Giovanni Paolo II” può definirsi la sfida più importante per la nuova Direzione Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa. Da anni, tempi e promesse non sono mai state rispettate e adesso, a seguito della nuova nomina a Direttore Generale del Dott. Maurizio Aricò, i cittadini non si aspettano altro che una ridefinizione del sistema sanitario, spesso accusato di mala sanità, ma soprattutto l’apertura di una importante struttura, che ancora una volta si spera non cadi nel dimenticatoio.".........

........"Oggi si può affermare che le due importanti sfide che si erano prefissate sono totalmente decadute: l’ultimazione e l’avvio di un nuovo Ospedale nell’arco di 5 anni; la realizzazione di una Cittadella della Salute utilizzando lo strumento del Project financing avviato precedentemente dal Direttore generale Calogero Termini e successivamente accantonato dai suoi successori".....

....."Non siamo in grado, in questo momento, di dare una data di possibile apertura. Lo comunicheremo solo quando il percorso di ricognizione ci permetterà di farlo, in modo credibile, quindi aspettiamo il momento opportuno. La direzione si  impegna ad investire ogni risorsa umana e gestionale disponibile affinché l’apertura del nuovo ospedale sia un obiettivo comune, primario e condiviso per la squadra che governerà l’ASP in questo triennio."...........


-------
commento

Ci sarebbe tanto da scrivere.....ma, a che servirebbe ?

Dal discorso di Marco Antonio nel “Giulio Cesare” di Shakespeare :
"Perché se io fossi Bruto e Bruto Antonio, qui ora ci sarebbe un Antonio che squasserebbe i vostri spiriti e che ad ognuna delle ferita di Cesare donerebbe una lingua così eloquente da spingere fin le pietre di Roma a sollevarsi, a rivoltarsi."








 


venerdì 18 luglio 2014

Chi ha orecchi......

http://www.ragusaoggi.it/45212/-direttori-aziende-procedano-alle-nomine-senza-condizionamenti



Sanità. Digiacomo: qualcuno vuole farsi arrestare?

DIRETTORI AZIENDE PROCEDANO ALLE NOMINE SENZA CONDIZIONAMENTI


.......“I direttori generali delle aziende sanitarie procedano senza tentennamenti alla nomina dei direttori sanitari e amministrativi, anche per sgombrare il campo dalle voci, sempre più diffuse, di pressioni indebite per condizionare le scelte”. Lo dice Pippo Digiacomo, presidente della commissione sanità all’Ars.


“E’ superfluo ricordare – aggiunge Digiacomo – che per fatti analoghi alcuni mesi fa è stato arrestato il presidente del consiglio regionale della Campania, per non parlare delle intercettazioni che hanno portato alle dimissioni dell’allora ministro Nunzia Di Girolamo. Mi aspetto dunque che si arrivi presto alla scelta dei direttori sanitari e amministrativi, e che questa sia effettuata senza alcun tipo di condizionamento indebito. A meno che qualcuno non intenda farsi arrestare…”..................

--------

commento

" chi ha orecchi per intendere, intenda!" ........






giovedì 17 luglio 2014

Molto rumore per nulla ?

http://www.corrierediragusa.it/articoli/attualità/ragusa/26983-riapre-dal-28-luglio-il-reparto-di-pediatria-all-ospedale-maggiore-di-modica-chiuso-il-bando-per-i-nuovi-professionisti.html

http://www.corrierediragusa.it/articoli/attualità/modica/26982-funziona-regolarmente-la-divisione-di-oculistica-del-maggiore-di-modica-nessuna-sospensione-dell-attivita.html

Riapre dal 28 luglio pediatria a Modica
Ancora pochi giorni di disagio per gli utenti, poi si tornerà alla normalità

Funziona la divisione di oculistica
Si era verificato solo qualche lieve problema organizzativo interno subito risolto. Inoltre si sta investendo sul potenziamento del reparto


........"A tempo di record è stato chiuso il bando per il reclutamento urgente di nuovi professionisti, propedeutico all’inserimento in servizio dal 28 luglio nel reparto di pediatria del presidio ospedaliero modicano. La conferma in tal senso è del direttore generale Asp 7 di Ragusa Maurizio Aricò il quale ha precisato che «La momentanea sospensione dell’attività del reparto di pediatria si è resa necessaria per garantire assistenza e sicurezza ai neonati ricoverati: in una condizione di imprevedibile emergenza – prosegue Aricò – dettata da circostanze esterne che hanno coinvolto gli operatori del reparto, con in primis il primario, non si poteva fare altrimenti, nell’interesse dei bimbi e delle loro famiglie, per continuare a garantire loro il miglior servizio a Ragusa."................

............"Nessuna sospensione dell’attività della divisione di oftalmologia e oculistica all’ospedale «Maggiore» di Modica. E’ la direazione generale dell’Asp 7 di Ragusa a smentire la notizia che era stata diramata dall’on Orazio Ragusa. Pare si siano verificati solo alcuni lievi problemi organizzativi in seno al reparto, che sono stati già risolti senza disagi o conseguenze per gli utenti. Il reparto quindi continua a funzionare come ha sempre fatto e, anzi, a breve offrirà servizi ancora più a misura di degente, grazie all’investimento di ingenti somme per garantire un supporto migliore con attrezzature sempre più all’avanguardia e personale medico e infermieristico specializzato. Tutto questo è confermato dallo stesso direttore generale dell’Asp 7 Maurizio Aricò (foto): «Apprendo con stupore la notizia del tutto infondata dell’interruzione dell’attività chirurgica di oftalmologia del presidio ospedaliero «Maggiore» di Modica."..........


-------------
commento

......molto rumore per nulla ?
Non credo. 
Non è corretto, a mio modesto parere, creare allarmismi inutili, come non è opportuno sottovalutare il rischio che casi simili possano accadere, considerati gli organici medici e infermieristici dei reparti degli ospedali della nostra provincia.

E' una problematica che non riguarda esclusivamente l'ospedale di Modica.

Mi auguro che il nuovo manager acceleri i tempi per garantire un'assistenza sanitaria 'decente' per la nostra collettività provinciale ( evitiamo i facili campanilismi strapaesani!).





mercoledì 9 luglio 2014

Pediatria di Modica. Si riapra subito.

http://ragusaoggi.it/44920/grave-errore-della-regione-quello-di-sacrificare-sull-altare-del-risparmio-il-diritto-dei-cittadini

http://ragusaoggi.it/44914/il-sindaco-di-modica-ignazio-abbate-interviene-sulla-paventata-chiusura-del-reparto-di-pediatria-all-ospedale-maggiore

http://ragusaoggi.it/44921/chiude-pediatria-al-maggiore-di-modica-intervento-del-consigliere-cavallino

http://ragusaoggi.it/44947/si-dice-rammaricato-il-direttore-generale-per-la-lettera-del-sindaco-di-modica-sulla-problematica-del-reparto



Il sindaco Abbate fa i tavoli tecnici con l’Asp per salvare la sanità e intanto la pediatria del Maggiore chiude

CHIUDE PEDIATRIA AL MAGGIORE DI MODICA. 

....."Aricò parla dei motivi che hanno portato alla necessità di trasferire le degenze presso la pediatra di Ragusa,  frutto di una situazione oggettivamente straordinaria nel senso che su un organico di quattro  pediatri (tra l’altro due di questi sono incaricati), compreso il direttore della struttura, risulta, allo stato attuale, che due sono assenti perché uno   in malattia e l’altra in gravidanza. Per una coincidenza eccezionale, il primario, coinvolto in un incidente automobilistico,  anch’egli è assente per motivi di salute; da qui l’urgenza, datata 28 giugno 2014,  di trasferire le degenze alla pediatria dell’ospedale “M. P. Arezzo”  garantendo, comunque,  l’assistenza sanitaria al parto.

L’Asp ha già attivata  una procedura di selezione urgente, ieri 7 luglio, per il reclutamento di professionisti che potranno essere disponibili al più presto.


In ogni caso il problema rimane e sappiamo che tali procedure sono abbastanza lunghe, ed un ospedale non può rischiare di rendere inattivo un reparto per un’emergenza che riteniamo si sarebbe potuta risolvere in altro modo."........


------------------------
commento

Non intendo fare una difesa d'ufficio del Direttore Generale dr. Aricò...ma, se ci riflettiamo un poco, di chi è la colpa se si è arrivati a chiudere un reparto importante dell'ospedale di Modica ? 
Certamente non può essere addebitata all'attuale manager, insediatosi solo da pochi giorni...quindi ?

A parte ciò, nella veste di pediatra, di ex primario di pediatria degli ospedali di Comiso e di Vittoria, di ex manager della ex azienda ospedaliera di Ragusa, di semplice cittadino di questa provincia, chiedo che il tutto si risolva in tempi rapidissimi (gli strumenti per agire si possono - e devono - reperire immediatamente quando c'è emergenza!).





giovedì 3 luglio 2014

Buon lavoro !

http://ragusaoggi.it/44734/il-commissario-arico-in-conferenza-stampa

Incontro con i giornalisti mercoledi mattino all'Asp di Ragusa

IL COMMISSARIO ARICO' IN CONFERENZA STAMPA 

 

..................................."Ha parlato bene di tutti , dei suoi predecessori e degli organismi regionali di gestione della sanità siciliana ma questo non vuol dire che farà quello che gli imporranno gli altri perchè in fatto di scelte autonome sembra davvero avere le idee chiare e precise. Alle domade sul nuovo ospedale, sul destino degli ospedali di Cimiso e Scicli , sul ruolo degli ospedali di Modica e Vittoria ha dimostrato di saperne abbastanza e di trasferire le sue ide in atti concreti appena si presenta la possibilità."........

 

--------

commento 

Il titolo dell'articolo, ovviamente, è errato, in quanto non si tratta più del 'commissario', bensì del 'direttore generale': c'è una grande differenza nella tipologia dei due incarichi.

Al dr. Aricò, medico, pediatra, oncoematologo pediatra, ora Direttore Generale dell'Asp di Ragusa, l'augurio di far ritornare la sanità iblea ai livelli in cui si trovava prima dell'avvio della 'cosiddetta' Riforma Russo e, prima di tutto, di 'sbloccare' tutti i 'catenacci arrugginiti' per avviare il Nuovo Ospedale di Ragusa.

Buon lavoro !

 

 

giovedì 26 giugno 2014

La cultura aziendale non basta a governare la sanità

http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=22306&fr=n

E’ vero, le Asl sono ormai un OGM.

 

...." Il modello di organizzazione dei servizi sanitari che dal 1992 definiamo azienda, illudendoci sul suo essere speciale o etica, ha subito nel tempo, infatti, una vera e propria modificazione genetica. Oggi siamo di fronte ad organismi geneticamente modificati, nei quali prevale una cultura gestionale dell’efficienza che riduce i medici ed i dirigenti sanitari a macchine esperte ma banali ed anonime, cui affidare il compito di reggere di fronte ai cittadini la forbice tra crescita della domanda di salute e riduzione delle risorse, pagando anche il prezzo di un notevole peggioramento delle condizioni di lavoro."..........

-----------------------

commento

In tutta Italia sono 'geneticamente modificate'....in Sicilia sono 'politicamente modificate' (OPM).

Questa la differenza tra la nostra Sanità e quella del resto del Paese.

 

 
 

martedì 17 giugno 2014

A quando ?

17 giugno 2014......






l'insediamento del nuovo Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa ?

 

giovedì 29 maggio 2014

Finalmente !

http://livesicilia.it/2014/05/27/si-della-commissione-alle-nomine-ecco-chi-sono-i-nuovi-manager_495055/

Sì della commissione alle nomine 
Ecco chi sono i nuovi manager


........."Maurizio Aricò, neo direttore generale dell'Asp Ragusa è nato a Pavia nel 1955 e fino ad oggi è stato direttore del dipartimento di oncoematologia pediatrica all'ospedale Meyer di Firenze, anche se in passato ha lavorato anche all'ospedale dei bambini “Di Cristina” di Palermo. Specializzato in ematologia clinica e clinica pediatrica all'università di Pavia, Aricò è laureato in medicina a Palermo, ma ha preso il diploma di abilitazione negli Stati Uniti. Si definisce “un ottimo disegnatore”...................

-----------------

commento

Ai primi di giugno....finalmente il nuovo Direttore Generale dell'ASP di Ragusa.
Buon lavoro....e 'ci metta la faccia'.....come si dice di questi tempi !






giovedì 15 maggio 2014

Meritocrazia ?

http://livesicilia.it/2014/05/13/manager-parte-domani-allars-lesame-delle-nomine_486953/

http://www.sanita.ilsole24ore.com/art/lavoro-e-professione/2014-05-14/lorenzin-albo-nazionale-manager-122318.php?uuid=AblExWkJ

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=21483&fr=n

Manager, parte all'Ars 
l'esame delle nomine

Lorenzin: un albo nazionale per i manager sanitari. Federsanità: più meritocrazia ma con formazione ad hoc

Management Asl. La "rivoluzione" di Lorenzin. "Un albo professionale per i DG. Più meritocrazia, obiettivi veri e stipendi adeguati”


..........."per il voto finale bisognerà aspettare la fine del mese: la commissione, infatti, non si pronuncerà prima del 27 maggio – e cioè ad un giorno dalla scadenza dei termini per dare il parere, fissata al 28 maggio – , dopo le elezioni europee.

E nel frattempo, il capogruppo del Partito dei siciliani, Roberto Di Mauro, ha chiesto che i fascicoli contenenti i punteggi assegnati dalla commissione esaminatrice, in base ai criteri di valutazione, vengano dati alla Prima commissione. "Bisogna verificare che non siano stati fatti degli errori 'aritmetici' - dice il parlamentare autonomista - dovuti al fatto che gli esperti scelti dall'assessore Borsellino non si sarebbero attenuti rigorosamente ai criteri: le nomine potrebbero essere 'falsate' da punteggi sbagliati"...................

..........."Per quanto riguarda i criteri per la scelta dei manager, secondo Lorenzin «noi abbiamo bisogno dei migliori. Sono per fare un albo nazionale, con una grande scuola che li formi. Poi va creato un meccanismo selezione con dei
parametri. Ma chi dà gli obiettivi? La Regione e il Ministero, cosicché i criteri di scelta saranno piu oggettivi, e sono anche per legare lo stipendio al raggiungimento di questi obiettivi».".................


....."Meritocrazia dunque perché “non è detto che un bravissimo medico sia bravo a fare il direttore sanitario. I manager del settore sanitario - ha continuato Lorenzin - gestiranno un comparto che sarà sempre più importante nel nostro Paese e abbiamo quindi bisogno dei migliori, ma veramente dei migliori”. .............

----------------
commento

Se 'i buoni propositi' del Ministro si trasferiranno sic et simpliciter alla nostra Regione...continuerà ancora la ricerca degli 'errori' ?